Gentile visitatore, il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte
Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.
 
Cavolo rapa ripieno

Cavolo rapa ripieno

4 teste di cavolo rapa di media grandezza
sale
100 g di cipolle rosse
250 g di mele acidule
20 g di capperi fini
400 ml di sidro, in alternativa succo di mele
pepe nero macinato fresco
50 g di quinoa rossa, in alternativa bianca o nera
200 g di manzo tritato
20 ml d’olio d’oliva
160 g di NOA Hummus di Ceci&Erbe

Preparazione
  1. Pulite il cavolo rapa (conservate le foglie piccole e tenere), pelatelo e cuocetelo al dente in acqua bollente salata, poi toglietelo e sgocciolatelo
  2. Rimuovete una calotta e scavate la parte interna fino a lasciare un bordo dello spessore di un centimetro, infine tagliate il tutto a dadini.
  3. Per il sugo mondate le cipolle e lavate le mele, tagliate entrambe finemente a dadini e imbiondite in una casseruola con 20 g di burro.
  4. Aggiungete i dadini di cavolo rapa e i capperi e soffriggeteli, sfumate con il sidro, aggiustate di sale e pepe e togliete dal fuoco.
  5. Scaldare il forno a 200°C, funzione statica sopra e sotto (190°C a convezione).
  6. Risciacquate la quinoa in un setaccio, poi cuocetela in 150 ml di acqua bollente per 12 minuti a fuoco lento.
  7. Successivamente salate, togliete dal fuoco e lasciate macerare per 5 minuti. Saltate la carne tritata in una padella con olio d’oliva e sbriciolatela mescolando. Mescolate, con l’aiuto di una schiumarola, la metà dei dadini di cipolla, mele e cavolo rapa dal sugo con la quinoa, il manzo e NOA Hummus di Ceci&Erbe e aggiustate di sale e pepe.
  8. Versate il composto nel cavolo rapa e ricoprite con il burro rimanente.
  9. Adagiate il cavolo rapa in una pirofila da forno, versate il sugo e cuocete in forno per 35 minuti in una delle griglie inferiori.

CONSIGLIO: eliminando la carne, il piatto si sposa con la cucina vegetariana!